Archivi mensili: settembre 2009




IL progetto è di quelli ambiziosi: diventare il motore di ricerca preferito dei milioni di musulmani che ogni giorno sono online. Il punto di partenza - 500mila contatti nelle prime due settimane, una media giornaliera di 30mila negli ultimi giorni - è buono. Ma la sfida presenta non poche ambiguità. Si chiama ImHalal - "sono Halal", ovvero islamicamente corretto - il primo motore di ricerca per internet interamente musulmano: ideato da Reza Sardeha, un ventenne irano-kuwaitiano che vive in Olanda e studia Business Management, inaugurato ai primi di settembre, è concepito in modo da assicurare ai musulmani di non incappare su internet in contenuti "haram", ovvero proibiti. Quando la ricerca tocca "temi sensibili", una schermata avverte il navigatore dei rischi, classificandoli con una scala da uno a tre. Spetta poi all'utente scegliere se proseguire o meno nell'esplorazione. Così, ad esempio digitando la parola "sex" si ottiene una risposta che recita: "Opps. La tua richiesta ha un livello haram di due su tre. I risultati possono essere proibiti. Se pensi ancora di voler proseguire clicca qui". Stesso risultato se si inseriscono termini come gay, lesbian, pig o pork (rispettivamente omosessuale, lesbica, maiale e porco in inglese). O se si prova con "Satanic Verses" il titolo del libro che ha attirato sulla testa di Salman Rushdie una fatwa di condanna a morte. Le ricerche possono essere effettuate in una quindicina di lingue fra cui l'inglese, il russo, l'arabo e il pashto. L'italiano al momento non è incluso. Anche per chi non è pratico di idiomi stranieri però, un'occhiata può risultare interessante: un vocabolo internazionale come "bikini" ottiene un livello di haram di due su tre. Mentre le pagine si aprono senza problemi se la parola ricercata è "burqini", il costume da bagno integrale che tante polemiche ha generato nei mesi passati in Europa. Sardeha spiega che il sito è in costante evoluzione: "Riceviamo molti feedback dagli utenti e in qualche caso facciamo delle modifiche - racconta - e siamo in contatto con degli imam che ci aiuteranno a stabilire cosa deve essere considerato haram". Ma l'idea di base è chiara: "L'ispirazione mi è venuta dopo lunghe discussioni con i miei amici riguardo alle ricerche con Google. Molti di loro sono finiti per caso su siti dai contenuti troppo espliciti: così ho pensato che avremmo potuto sviluppare un motore di ricerca nostro, più orientato verso i valori islamici". Il giovane manager - che in un'intervista via e-mail si definisce un musulmano "praticante" ma non vuole specificare se sunnita o sciita, per non alimentare le tensioni fra le due componenti principali dell'Islam - nega che dietro al progetto di ImHalal possa nascondersi il rischio di censura: "Non lo credo assolutamente - risponde - filtriamo prima di tutto contenuti per adulti e pornografia. Ma nulla che riguardi la politica o l'arte". Il tono però cambia quando gli si propone l'esempio delle vignette di Maometto, la cui pubblicazione nel 2005 scatenò una crisi senza precedenti fra il mondo musulmano e quello occidentale. Una ricerca con la chiave "Mohammed's Cartoons" produce un livello haram di uno su tre. Una scelta politica? "Filtrare quelle ridicole vignette non significa dare giudizi politici - sostiene Sardeha - questo non ha nulla a che vedere con la politica ma piuttosto con l'insulto religioso ai musulmani". Punto di vista condiviso? Sardeha punta a fare di ImHalal il motore di ricerca più usato in Medio Oriente nel giro di un anno: per avere una risposta, occorrerà aspettare qualche mese. fonte repubblica

ImHalal, con filtro per le parole “proibite”



E’ piovuto il caldo Ha squarciato il cielo Dicono sia colpa di un’estate come non mai Piove e intanto penso Ha quest’acqua un senso Parla di un rumore Prima del silenzio e poi… E’ un inverno che va via da noi Allora come spieghi Questa maledetta nostalgia Di tremare come foglie e poi Di cadere al tappeto? D’estate muoio un po’ Aspetto che ritorni l’illusione Di un’estate che non so… Quando arriva e quando parte, Se riparte? E’ arrivato il tempo Di lasciare spazio A chi dice che di spazio E tempo non ne ho dato mai Seguo il sesto senso Della pioggia il vento Che mi porti dritta Dritta a te Che freddo sentirai E’ un inverno che è già via da noi Allora come spieghi Questa maledetta nostalgia? Di tremare come foglie e poi Di cadere al tappeto? D’estate muoio un po’ Aspetto che ritorni l’illusione Di un’estate che non so… Quando arriva e quando parte, Se riparte? E’ un inverno che è già via da noi Allora come spieghi Questa maledetta nostalgia? Di tremare come foglie e poi Di cadere al tappeto D’estate muoio un po’ Aspetto che ritorni l’illusione Di un’estate che non so… Quando arriva e quando parte, Se riparte? E’ arrivato il tempo Di lasciare spazio A chi dice che di tempo E spazio non ne ho Dato mai

Come Foglie – Malika Ayane (testo – video)


Piacetevi Ve l'hanno già detto, ma è vero. Nessuno potrà trovarvi attraente, amarvi e voler stare con voi se voi per prime non state bene con voi stesse. Se non vi piacete, trasuderete insoddisfazione e insicurezza, soprattutto se uscite con qualcuno. Quindi, smettetela e iniziate ad accettarvi per quelle che siete. Sappiate ciò che volete Volete l'uomo, giusto? Dovete però sforzarvi di andare un po' oltre la semplice definizione di uomo. Forse credete di essere talmente senza speranze che qualsiasi uomo possa andare bene, ma basterà un appuntamento infelice per farvi scordare questa teoria. Chiaritevi le idee su quello che volete ed eviterete di perder tempo uscendo con degli sfigati che vi fanno sprecare energie. Cercate nei posti giusti I locali e le feste sono ottime se puntate alla quantità di uomini tra cui scegliere, ma non sono necessariamente le occasioni migliori per incontrare qualcuno, soprattutto se non siete abituate a questo genere di situazioni. Sembra ovvio (non per tutti), ma per trovare la persona giusta bisogna guardare nei posti che si frequentano normalmente, perché proprio lì ci sono maggiori probabilità di trovare una persona compatibile. Applicate la regola dei due appuntamenti La prima volta che siete usciti è stato un disastro. Benché vi venga la tentazione di depennare il giovanotto che vi è piaciuto solo al 50 per cento, dategli una seconda possibilità. Il primo appuntamento è stressante e spesso è sovraccarico di aspettative che ci fanno comportare in modo anormale. Puntate sempre a uscire per la seconda volta, non avete niente da perdere, mal che vada troverete conferme alla prima impressione. Prendetevi cura di voi stesse Siete single, ma ciò non vuol dire che possiate lasciarvi andare. Se volete attirare l'attenzione di qualcuno, imparate ad amarvi. Dovete potervi guardare allo specchio e sentirvi a vostro agio, soddisfatte del vostro aspetto e dell'immagine che date. Dite a tutti che avete voglia di conoscere qualcuno Non c'è nulla di cui vergognarsi a dire a persone che conoscete appena (e anche agli amici) che avete voglia di conoscere qualcuno. Chissà chi potreste incontrare! Io stessa ho conosciuto mio marito attraverso il mio personal trainer. Pensate fuori dagli schemi I soli uomini con cui v'interessa uscire sono alti, belli e biondi? Se vivete ad Amsterdam è perfetto, in caso contrario non vi pare di limitare un po' troppo il vostro raggio d'azione, con il rischio di non trovare mai un uomo con cui uscire? Avere le idee chiare sull'uomo che vorreste va bene, ma dovete essere aperte e pensare fuori dagli schemi fissi. Chissà mai che il vostro uomo ideale non sia basso e scuro di capelli! Mettetevi alla prova Mettersi alla prova fa bene perché costringe a scollarsi dal proprio nido protetto, rafforzando l'autostima. Se temete di non riuscire mai a conoscere qualcuno, o siete depresse, uscite e affrontate le vostre paure. Avrà effetti benefici per il vostro amor proprio, vi darà maggior forza e vi farà capire che potete fare qualsiasi cosa. Evitate la disperazione Disperarsi ha lo stesso effetto devastante dell'autodenigrazione. Potete definirvi disperate se siete arrivate al punto che qualsiasi uomo vi andrebbe bene pur di uscire con qualcuno, qualsiasi uomo con cui uscite diventa subito un potenziale marito e gli rimanete alle costole anche se è chiaro che non è interessato. Cadere nella trappola della mancanza di speranze è facile, ma la buona notizia è che tirarsene fuori è altrettanto semplice, basta che vi ricordiate che siete single, non sole o strane e sicuramente adorabili! Pensate positivo sugli uomini Evitate di dire cose come "Gli uomini sono così superficiali", "Tutti gli uomini vogliono solo donne giovani con le tettone e l'elettroencefalogramma piatto", o "Tutti i maschi sono scemi". Potrebbe farvi sentire meglio per un nanosecondo, ma in effetti state solo allenando il cervello ad evitare gli uomini a tutti i costi. Usate la testa Nelle giornate di depressione abbiamo la tendenza a drammatizzare e temiamo di restare zitelle per sempre, che tutti gli uomini ci detestino e che finiremo per restare sole, circondate dai nostri gatti. Se questo tipo di pensiero si è radicato nella vostra mente, è il momento di iniziare a usare la testa. Tanto per cominciare, la maggior parte delle persone che ha voglia di conoscere qualcuno di solito ci riesce. In secondo luogo, nessuno vi odia; infine, non siete sole, quindi perché dovreste esserlo tra vent'anni? Non uscite con troppi uomini Se esagerate con gli appuntamenti, finirete per non prenderci più gusto. Anche se è vero che, statisticamente, uscendo di più aumentate le chance, l'eccesso è la ricetta perfetta per restare deluse e perdere fiducia. Siate selettive e prendetevela con calma. Coltivate degli interessi Oltre a rendervi più appetibili, coltivare più interessi vi offre maggiori occasioni d'incontrare persone che, oltretutto, hanno qualcosa in comune con voi, aumentando così la possibilità di conoscere qualcuno con cui siete compatibili. Non andate a caccia in gruppo Chiedetelo a qualsiasi maschio, vi confermerà che non oserebbe mai avvicinare una donna che gli interessa se lei è sempre circondata da orde di amici. Se state cercando un uomo fidanzabile, quando siete in giro create dello spazio libero per chi vorrebbe conoscervi. Siate clementi con gli uomini Non spaventateli lanciando messaggi erotici con le parole o con il linguaggio non verbale. Pur essendo importante che siate voi stesse, manifestarvi troppo aperte, perché siete nervose, o perché i vostri amici vi stuzzicano e magari avete bevuto un goccino di troppo, metterebbe in difficoltà anche l'uomo più scafato. Divertitevi Gli uomini adorano le donne che si divertono (e viceversa). Perciò, quando uscite, non pensate continuamente di dover conoscere o attrarre qualcuno e divertitevi. Oltre a trascorrere delle belle serate, sarete oggetto di maggior attenzione da parte degli uomini piuttosto che indossando una minigonna o una scollatura micidiale. Siate selettive ma non schizzinose Essere selettive va bene, ma non dovete diventare schizzinose. Essere selettive vuol dire avere degli standard, come età, aspetto esteriore e atteggiamento morale, essere schizzinose significa scegliere con chi uscire in base al conto in banca, al modo di vestire e al tipo di auto. Se volete innamorarvi, siate selettive sulle cose giuste. Siate affettuose Essere affettuosi è come un allenamento sportivo: se smettete per un po', i muscoli perdono tono e vi indebolite. Per mantenervi toniche, non aspettate di innamorarvi per essere affettuose. Siate affettuose con la famiglia e con gli amici, vi sentirete meno sole e sarete più aperte all'amore quando arriverà. Non mentite a voi stesse Gli uomini con le mogli che "non li capiscono", gli ex che passano a trovarvi quando si sentono soli o quelli che vi frequentano solo se non hanno di meglio da fare, non sono prospettive accettabili. Allo stesso modo, non sono adatti né il vostro capo, né le persone che conoscete appena e neppure il fidanzato della vostra migliore amica. Non perdete tempo mentendo a voi stesse su uomini che sapete benissimo non essere adatti. Puntate soprattutto alla compatibilità Se volete sapere quale sarà il futuro della vostra storia, analizzate innanzitutto la vostra compatibilità. Anche se vi divertite da pazzi quando siete insieme, ciò che conta alla fine è che abbiate aspirazioni e progetti comuni. Se avete obiettivi diametralmente opposti, neppure il sesso più travolgente può dare alla storia la stabilità che cercate.

amatevi … per Voi stesse donne …


Il vetro di Murano e Veneziano sono sinonimi di raffinatezza e leggerezza e vantano una storia millenaria dai risvolti affascinanti. Il primo documento che attesta la presenza di vetrerie in Venezia risalle all'anno 982, più di mille anni fa. Le tradizioni vetrarie bizantina ed islamica si incontrano a Venezia, luogo di intensi scambi commerciali tra l'Europa e le sponde meridionali ed orientali del Mediterraneo: nella Repubblica lagunare l'esperienza tecnica trova una fortunata energia creativa che dà l'origine ad oggetti di grazia e qualità mai più superate. A causa di gravi rischi d'incendio derivanti dalla lavorazione del vetro, la Serenissima dispose il trasferimento di tutte le fornaci vetrarie sull'isola di Murano, staccata dal corpo urbano della città cresciuta sull'acqua. Per secoli le più importanti casate nobiliari d'Europa commissionano suppellettili, oggetti e bicchieri in vetro di Murano, talmente importanti per estetica e fattura da essere ancora oggi gelosamente conservati in Musei e collezioni private. La maestria dei maestri vetrai di Murano e Venezia si esprime da sempre con pochi strumenti, attraverso semplici attrezzi in ferro: il vetro di Murano e Veneziano è un vetro lungo, cioè permane in condizioni di lavorabilità per un tempo discretamente lungo prima di dover essere riposto nel fuoco. Ciò permette le complesse manipolazioni e la soffiatura in spessori sottili, elementi distintivi della ricca produzione vetraria di Murano e Venezia. L'arte e le tecniche dei maestri vetrai di Murano e Venezia si trasmettono solo andando a bottega, proprio come accadeva nell'artigianato medievale: pur studiato scientificamente, il vetro di Murano e Veneziano ha un'anima culturale, uno spirito creativo che passa alle nuove generazioni solo attraverso la fatica, l'umiltà, la presenza attenta e fedele al fianco dei migliori artigiani/artisti lagunari.

STORIA DEL VETRO DI MURANO




When you were here before Couldn’t look you in the eye You’re just like an angel Your skin makes me cry You float like a feather In a beautiful world And I wish I was special You’re so fuckin’ special But I’m a creep, I’m a weirdo. What the hell […]

Radiohead – Creep Acoustic (video – testo – traduzione)


Parlami come il vento fra gli alberi Parlami come il cielo con la sua terra Non ho difese ma Ho scelto di essere libera Adesso è la verità L'unica cosa che conta Dimmi se farai qualcosa Se mi stai sentendo Avrai cura di tutto quello che ti ho dato Dimmi Siamo nella stessa lacrima, come un sole e una stella Luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni Ascoltami Ora so piangere So che ho bisogno di te Non ho mai saputo fingere Ti sento vicino Il respiro non mente In tanto dolore Niente di sbagliato Niente, niente... Siamo nella stessa lacrima, come un sole e una stella Luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni in una lacrima Come un sole e una stella Luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra su nuovi giorni Il sole mi parla di te... mi stai ascoltando? Ora la luna mi parla di te... avrò cura di tutto quello che mi hai dato... Anche se dentro una lacrima, come un sole e una stella Luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni in una lacrima come un sole e una stella Siamo luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni Ascoltami Ascoltami Ascoltami Ascoltami Ascoltami Ascoltami Ascoltati

luce(tramonti a nord-est) elisa (testo – video)



A un passo dal possibile A un passo da te Paura di decidere Paura di me Di tutto quello che non so Di tutto quello che non ho Eppure sentire Nei fiori tra l'asfalto Nei cieli di cobalto - c'è Eppure sentire Nei sogni in fondo a un pianto Nei giorni di silenzio - c'è un senso di te mmm...mmm...mmm...mmm... C'è un senso do te mmm...mmm...mmm...mmm... Eppure sentire Nei fiori tra l'asfalto Nei cieli di cobalto - c'è Eppure sentire Nei sogni in fondo a un pianto Nei giorni di silenzio - c'è Un senso di te mmm...mmm...mmm...mmm... C'è un senso di te mmm...mmm...mmm...mmm... Un senso di te mmm...mmm...mmm...mmm... C'è un senso di te

ELISA EPPURE SENTIRE (UN SENSO DI TE) LYRICS