Archivi mensili: ottobre 2009



Breakdown Jack Johnson I hope this old train breaks down Then I could take a walk around And, see what there is to see And time is just a melody All the people in the street Walk as fast as their feet can take them I just roll through town And though my windows got a view The frame I'm looking through Seems to have no concern for now So for now I need this Old train to breakdown Oh please just Let me please breakdown This engine screams out loud Centipede gonna crawl westbound So I don't even make a sound Cause it's gonna sting me when I leave this town All the people in the street That I'll never get to meet If these tracks don't bend somehow And I got no time That I got to get to Where I don't need to be So I I need this Old train to breakdown Oh please just Let me please breakdown I need this Old train to breakdown Oh please just Let me please breakdown I wanna break on down But I cant stop now Let me break on down But you cant stop nothing If you got no control Of the thoughts in your mind That you kept in, you know You don't know nothing But you don't need to know The wisdoms in the trees Not the glass windows You cant stop wishing If you don't let go But things that you find And you lose, and you know You keep on rolling Put the moment on hold The frames too bright So put the blinds down low I need this Old train to breakdown Oh please just Let me please breakdown I need this Old train to breakdown Oh please just Let me please breakdown I wanna break on down But I cant stop now Guasto spero che questo vecchio treno si guasti così potrei farmi un giro qui intorno e vedere ciò che c'è da vedere il tempo è una melodia tutta la gente in strada cammina veloce quanto possono i loro piedi io attraverserò la città e anche se dalle finestre si vedono molte cose la cornice attraverso cui guardo sembra non avere interesse adesso adesso ne ho bisogno che il vecchio treno si guasti oh, per favore fai che si guasti questo motore grida forte il millepiedi striscia verso ovest così non farò rumore perchè mi pungerà quando lascerò questa città tutta la gente in strada che non conoscerò se questi binari non si curveranno in un modo o nell'altro non ho tempo per andare dove non ho bisogno di andare così io ne ho bisogno che il vecchio treno si guasti oh, per favore lascia che ceda ne ho bisogno che il vecchio treno si guasti oh, per favore lascia che ceda vorrei cedere non posso fermarmi adesso lascia che ceda ma non puoi fermare niente se non hai il controllo dei pensieri che hai tenuto nella tua mente, lo sai non sai niente ma non hai bisogno di sapere la saggezza negli alberi non le finestre di vetro non puoi smettere di sperare se non lasci andare le cose che trovi e che perdi, e sai continui a viaggiare ferma questo momento la cornice è troppo brillante abbassa le tende ne ho bisogno che il vecchio treno si guasti oh, per favore lascia che ceda ne ho bisogno che il vecchio treno si guasti oh, per favore lascia che ceda vorrei cedere non posso fermarmi adesso

Breakdown Jack Johnson (video – testo – traduzione)


Internet sa di noi molto più di quanto immaginiamo. In un sito si può vedere tutta la cronologia del browser, le richieste ai motori di ricerca e altre informazioni personali Molti pensano di conoscere bene Internet, ma pochi si chiedono cosa sa la Rete di noi. La risposta è: molto più di quanto si creda. Basta andare sul sitoWhattheinternetknowsaboutyou.com per farsene un'idea: non appena si apre la home compaiono tante finestrelle con le immagini delle pagine Web che abbiamo appena visitato. Il risultato è impressionante: quello che il sito ci mostra con sfrontatezza è infatti la cronologia del nostro browser, ma è possibile anche far saltare fuori le interrogazioni usate nei motori di ricerca e altri tipi di informazioni personali. Ovviamente la finalità di What the internet knows about you è pedagogica: vuole invitare gli utenti a stare più attenti alla propria privacy, ad esempio disabilitando la cronologia

La Rete ti guarda




I would say I'm sorry If I thought that it would change your mind But I know that this time I've said too much Been too unkind I try to laugh about it Cover it all up with lies I try and Laugh about it Hiding the tears in my eyes 'cause boys don't cry Boys don't cry I would break down at your feet And beg forgiveness Plead with you But I know that It's too late And now there's nothing I can do So I try to laugh about it Cover it all up with lies I try to laugh about it Hiding the tears in my eyes 'cause boys don't cry I would tell you That I loved you If I thought that you would stay But I know that it's no use That you've already Gone away Misjudged your limits Pushed you too far Took you for granted I thought that you needed me more Now I would do most anything To get you back by my side But I just Keep on laughing Hiding the tears in my eyes 'cause boys don't cry Boys don't cry Boys don't cry

The Cure – Boys Don’t Cry


INNERES AUGE Come un branco di lupi che scende dagli altipiani ululando o uno sciame di api accanite divoratrici di petali odoranti precipitano roteando come massi da altissimi monti in rovina. Uno dice che male c'è a organizzare feste private con delle belle ragazze per allietare Primari e Servitori dello Stato? Non ci siamo capiti e perché mai dovremmo pagare anche gli extra a dei rincoglioniti? Che cosa possono le Leggi dove regna soltanto il denaro? La Giustizia non è altro che una pubblica merce... di cosa vivrebbero ciarlatani e truffatori se non avessero moneta sonante da gettare come ami fra la gente. La linea orizzontale ci spinge verso la materia, quella verticale verso lo spirito. Con le palpebre chiuse s'intravede un chiarore che con il tempo e ci vuole pazienza, si apre allo sguardo interiore: Inneres Auge, Das Innere Auge La linea orizzontale ci spinge verso la materia, quella verticale verso lo spirito. Ma quando ritorno in me, sulla mia via, a leggere e studiare, ascoltando i grandi del passato... mi basta una sonata di Corelli, perchè mi meravigli del Creato!

Franco Battiato INNERES AUGE



TUTTI contro Apple. C'è poco da fare, la "piccola" casa di Cupertino incute paura, timore e rispetto da parte di tutti i concorrenti. E anche se non domina il mercato dei pc, anche se ha una quota di minoranza nel campo dei telefoni cellulari, anche se nella musica non è ancora potente come una casa discografica, di certo ha una presenza fondamentale in tutti e tre i settori, le sue macchine hanno un successo crescente, i conti dell'azienda fanno sorridere ampiamente Steve Jobs e i suoi azionisti, e riesce a stabilire i "trend" giusti restando sempre sulla cresta dell'onda.

Tutti contro la “piccola” Apple fa tendenza e i suoi ...


1
Sunrise, sunrise Looks like mornin' in your eyes But the clocks held 9:15 for hours Sunrise, sunrise Couldn't tempt us if it tried 'Cause the afternoon's already come and gone And I said hoo... To you Surprise, surprise Couldn't find it in your eyes But I'm sure it's written all over my face Surprise, surprise There was something I could hide When I see we made it through another day And I said hoo... To you Now good night Throw its cover down On me again Ooh and if I'm right It's the only way To bring me back Hoo... To you Hoo...

sunrise norah jones (video – testo – traduzione)




Nokia porta la Apple in tribunale "L'iPhone viola nostri brevetti" NEW YORK - Nokia fa causa ad Apple accusandola di aver violato i suoi brevetti sulle tecnologie utilizzate nell'iPhone. La causa è stata presentata a un tribunale federale dello stato del Delaware, negli Stati Uniti. "L'iPhone di Apple viola i brevetti Nokia sulle norme Gsm, Umts e Lan senza fili", spiega il colosso finlandese, precisando che le violazioni riguardano dieci brevetti, tra cui quelli di Gsm, Umts e reti locali senza fili, le cosidette Wlan. Sotto accusa, quindi, finiscono tutti i modelli di iPhone sfornati dalla casa di Cupertino dal 2007, giorno di presentazione della prima versione del melafonino, ad oggi, quando sul mercato sono il 3G e il 3GS. I 10 brevetti infranti da Apple - secondo Nokia - sono legati a tecnologie fondamentali per rendere gli apparecchi telefonici compatibili con uno o più standard. Nokia ha investito 40 miliardi di euro in ricerca e sviluppo negli ultimi due decenni. I brevetti oggetto della causa "sono stati dichiarati essenziali per le norme del settore" della telefonia mobile, osserva la casa finaldese. Nokia ha chiuso il terzo trimestre in rosso, per la prima volta da oltre un decennio: nonostante questo, è leader indiscussa del mercato, con una quota del 38%. Negli ultimi anni ha risentito molto della concorrenza di Apple, della canadese Research in Motion con il Blackberry, ma anche dell'affermarsi delle società asiatiche come Lg e Samsung.

Nokia VS Apple